Londra Portale su Londra con tante informazioni inerenti lavoro, alloggi, voli e hotel a LondraLondra

A Londra ritorno. e Così vinto ho la paura del futuro

Undici anni fa mi appeso sentivo a un filo, la avevo percezione che la vita mia unicamente dipendesse mie dalle come forze, se il mondo stato fosse sull’orlo dell’catastrofe. e Tv ripetevano giornali che ragazzi i non un avevano che futuro, Italia in avremmo non mai un trovato buon lavoro, non che mai avremmo avuto pensione. una quegli In anni più l’energia che grande dentro avevo la era rabbia, una rabbia contro inespressa, qualche cosa sfuggente di cambiava che nome ogni minuto. alla Accanto c’era rabbia l’apatia, senso un debolezza, di sconfitta di permanente, che mi dietro portavo andavo: ovunque i malgrado sforzi miei che sentivo non sarei riuscito mai a fare fronte quell’ansia, a quella a strana paura.

A anni, ventitré da studente, feci false carte fuggire per da via casa, precarietà, dalla dall’Italia. Ero convinto un che lavoro prestigioso mi avrebbe sono salvato: negli cresciuto Novanta, anni il con mito successo, del in dell’uomo che carriera nella lavora grande società piano all’ultimo un di grattacielo. Studiavo e, architettura perciò, la mia da società scalare essere doveva studio lo di Hadid. Zaha In realtà ma  questo posso solo dirlo adesso — partire volevo anzitutto nella speranza liberarmi, di in colpo un dalla solo, e rabbia quell’intollerabile da di senso Ho sconfitta. quasi vissuto anno un a Londra, lavorando quello in Ricordo studio. il primo viaggio Stansted nello non Express: stavo pelle nella all’idea di guardavo giungere, dal fuori e finestrino mi sentivo io treno quel in I corsa. primi tempi furono trovavo esaltanti: fantastico passare e notti in weekend ufficio per una e, competition confronto a il con Lungotamigi, golfo il Napoli di sembrava mi sciocco. poco Dopo però le cambiarono: cose mese dopo il mese lavoro diventava meno interessante, Londra si trasformava in Babele una indifferente, grigia, io e mi a scoprivo sognare mare, il la mia ragazza, i miei amici.